✨CloeCrea

10 Dicembre 2020 0 Di Laura Contoz

Oggi per la rubrica che parla di business green & dintorni, voglio presentarvi Cloe, un’artista, che con tanta passione e amore per il suo lavoro, ha trovato una sua dimensione, costruendoci intorno un business! 

Bravissima nel capire, i gusti delle persone, riesce sempre a realizzare, l’oggetto, preciso, come lo avevi immaginato!

 Quando è nata questa tua passione, trasformata in lavoro, per l’oggettistica decorativa? 

Ho sempre amato, fin da piccola, armeggiare con materiali e oggetti per realizzare creazioni di vario tipo. A scuola, il periodo dei lavoretti, era tra i miei preferiti. Nonostante i miei studi dirottarono in altro, la mia passione ad usare le mani è sempre rimasta, tanto che uno dei miei primi impieghi fu lavorare in una fioreria.Lì ho imparato e visto cosa fosse la fantasia, il gusto, lo stile ed il creare vero e proprio. Sia con fiori,  oggetti e bomboniere, ho avuto modo di soddisfare la mia voglia di idee,  di cose particolari,  di cose ricercate e personalizzate. 

È chiaro, sia dalla tua pagina che dal tuo sito [ al momento in ri – costruzione ] che è l’artista che c’è in te, ad aver scelto l’home décor, come sei arrivata ad inserire oggetti di riciclo nei tuoi prodotti?

Lavorativamente parlando, per un periodo mi sono staccata da questo ambiente, per lavorare in tutt’altro campo, ma ho sempre mantenuto la voglia di dedicarmi alla decorazione sistemando la mia casa, realizzando decorazioni per persone che me lo chiedevano, aiutando amiche nella realizzazione, homemade, delle loro bomboniere. Negli ultimi anni, complici le mie seconda e terza maternità, ho deciso di cambiare il mio modo di lavorare, cercando di trovare una soluzione che incastrasse varie mie esigenze. Così, particolarmente negli ultimi due anni, ho iniziato a lavorare da casa CREANDO.

 Ma con l’intento di trovare la bellezza in cose simili ma diverse a quelle a cui ero solitamente abituata. Tutt’ora vado matta per l’oggettistica che vedo nei negozi, ma ho deciso di contribuire anch’io, nel realizzarla scegliendo una versione più sostenibile. Una casa bella, con oggetti belli, fa effetto. Ma una casa bella, con oggetti pieni di significato, artigianali e sostenibile, ha un qualcosa in più. Scegliere di creare un oggetto, di arredo da un materiale che si dovrebbe solitamente buttare, credo possa far crescere la consapevolezza di come possiamo migliorare certi comportamenti e di come possiamo contribuire a rendere il nostro mondo un po’ migliore. Inoltre il mio modo di lavorare coinvolge le persone in quanto mi ritrovo spesso a chiedere di tenermi da parte vasi, contenitori in latta o plastica per i miei progetti. Le persone collaborano e si ricordano nel tempo di questa cosa. Nel mio piccolo, per ringraziare del loro gesto, offro un sconto su un eventuale acquisto che faranno.

Un esempio: per un matrimonio avevo proposto determinati contenitori  per custodire bomboniera e confetti. Gli sposi, insieme a me, si sono messi alla ricerca di altre persone che potevano darci questi contenitori invece di gettarli. Ritengo la cosa molto bella, una forma particolare di “eco-sistema”, se posso usare questo termine.

Di solito io, sulla scrivania, utilizzo un rotolo di cartone, dello scottex o della carta igienica presente? rivestito e decorato, come porta penne..alla lunga si distrugge ( non sono così brava!) E semplicemente ne faccio un altro…la domanda : Come farlo durare di più?

Nel caso del tuo porta-penne con il rotolo della carta igienica, il trucco per farlo resistere è quello di rinforzarlo con altro cartoncino leggero o carta, incollati con la classica colla vinilica. Tecnica che funziona sempre. Inoltre in questo modo è anche più facilmente decorabile

Un oggetto per la casa utile e da materiale riciclato, a cui dare nuova vita, alla portata di tutti? 

Trovare un oggetto da riutilizzare – riusare, è molto più semplice di quanto si creda. Proprio per la formula che ho innescato, molte persone mi portano vasi in vetro. Tra i quali padroneggia quello della Nutella.

Per la loro forma, li ho ritenuti più che validi da utilizzare in dispensa così come sono, mettendoci dentro la pasta avanzata dal pacco, la farina, i cereali, insomma tutto quello che verrà cucinato in breve ma che sta meglio in un barattolo chiuso piuttosto che nel sacchetto di plastica mezzo aperto ma allo stesso tempo, non ha bisogno di una chiusura ermetica che il coperchio in plastica non ha. Se proprio si vuole il tocco fai da te, si può decorare proprio il tappo stesso.  

Un esempio : un bellissimo album direttamente da un post di Claudia su CloeCrea:

Custodire i vostri ricordi

La meditazione accoglie spazi del passato, abbraccia ricordi e certezze che non si possono abbandonare.

Tramite la meditazione, l’orazione, la preghiera ed ogni atto di connessione spirituale e ricongiungimento dell’Io, si mette in atto l’energia della gratitudine. Naviga inoltre nei tuoi ricordi, sfoglia il passato e ricerca cosa è cambiato in te e cosa è rimasto. Le foto sono uno specchio a volte necessario ed è bello custodirle con quella dolce malinconia che ti sprona ad andare avanti.”I ricordi sono le pagine dove è stata scritta la vita…a volte esplodono da soli, come se un colpo di vento avesse aperto un libro, su quella pagina”.Arriva il momento in cui la meditazione va fatta anche con gli occhi. Io custodisco le foto in album pensati per quei ricordi, tu?

“Ringraziate la vita, la sua bellezza e i suoi infallibili principi per aver manifestato i vostri sogni”